SEGNALAZIONI in merito al PARCHEGGIO SELVAGGIO in ZTL

Protocollata il 10 Maggio 2018

Al Sindaco di Padova Sergio Giordani

Gentile Signor Sindaco,

le uniamo copia della lettera inviata al Comandante della Polizia Locale Fontolan, sapendo che lei detiene la delega su tale strategico settore della Civica Amministrazione.
Ci permettiamo di chiederle di leggerla attentamente, perché la nostra pagina Facebook è intenzionata a proseguire il suo monitoraggio sul degrado continuo della città, in particolare del centro storico, la cui ZTL costituisce uno dei punti dolenti.
A seguito di molte foto e segnalazioni non accolte dal centro operativo, avevamo appoggiato la proposta (del 06 gennaio 2018) di una attenta lettrice della nostra pagina, la quale proponeva una ZTL chiusa 24/24h, compresa la domenica, e ag-giungeva la necessità di telecamere in uscita. Prendiamo atto che questa proposta appare, almeno teoricamente, recepita dall’Amministrazione, anche se giace su di un “tavolo” di cui non si conoscono i tempi tecnici, non tanto della conclusione, ma del suo avvio…

Crediamo che tali tempi non costituiscano una giustificazione per i comportamenti di cui parliamo nella lettera in copia.

Ci permettiamo, a proposito del nostro rilievo circa il non intervento della rimozione forzata in situazioni di conclamata violazione del codice della strada, di rilevare che l’indisponibilità e/o l’insufficienza dei carri attrezzi comunali può, anzi deve, essere superata attraverso convenzioni con officine private considerando che il costo dell’intervento è a tutto carico di chi si rende responsabile di infrazioni così gravi.

Purtroppo, la documentazione in nostro possesso, sulle violazioni in ZTL non depongono a favore della Sua Amministrazione e di ciò siamo molto dispiaciuti.
Certi che Lei, da imprenditore pragmatico, capisca che le affermazioni del suo Vice sull’educazione dei cittadini, non possono che passare anche attraverso il rispetto delle regole e conseguente sanzione. In queste circostanze, la “tolleranza” è anch’essa una forma di inciviltà, e di rinuncia a governare la città.


—————————————————————————————————————————————–

Al Comandante della Polizia Locale di Padova Lorenzo Fontolan

Con copia p.c.
– al Sindaco Sergio Giordani
– al Vicesindaco Arturo Lorenzoni

 

Gentile Comandante,

abbiamo letto la sua risposta a “il mattino di padova” di lunedì 07 corrente mese, che la interrogava circa la situazione di “parcheggio selvaggio” denunciata dalla nostra pagina Facebook Incivilis Padova, e abbiamo trovato le sue dichiarazioni insoddisfacenti, e forvianti.

Innanzitutto a partire dalla sua affermazione che nell’anno scorso la Polizia Locale ha elevato ben 27 mila contravvenzioni per divieto di sosta, che evidentemente ri-guardano l’intera città e non certo la sola ZTL, anche perché – monitorando costan-temente la stessa – abbiamo notato grande carenza di contravvenzioni sulle decine e decine di automobili che, soprattutto la sera, sono abbandonate nei posti più impensati e pericolosi.

Di più, la nostra osservazione è integrata da diversi confronti che abbiamo avuto con vigili urbani in servizio nella zona che, da noi richiamati su alcune automobili indebitamente parcheggiate, hanno risposto con un senso di “tolleranza” per il contravventore che abbiamo motivo di ritenere sia la norma e non il comporta-mento omissivo del singolo agente.

Lei sostiene, inoltre, che si sta aprendo un “tavolo” di lavoro per definire i nuovi orari e metodi di accesso alla ZTL e che da lì scaturirà un nuovo regolamento. Bene, i tavoli di lavoro sono sempre utili, ma rimane il fatto che fino al varo di un nuovo regolamento esiste quello precedente che va rispettato in tutte le sue disposizioni, a partire dalle contravvenzioni per chi parcheggia illecitamente in spazi vietati.

Noi non vogliamo nemmeno pensare, come qualche cittadino invece ritiene, che vi siano indicazioni dall’alto di essere tolleranti con i contravventori. Ma siamo forte-mente convinti che vi sia da parte Sua, e delle autorità municipali, una sottovalu-tazione del fenomeno e del “desiderio” di singoli agenti di non andare incontro a discussioni sgradevoli con i contravventori dei divieti.

Contestualmente vogliamo lasciare il beneficio del dubbio sull’utilizzo generico delle contravvenzioni, invero rare rispetto al fenomeno, che vengono elevate ad auto abbandonate in luoghi che imporrebbero la rimozione forzata e che invece presentano solo 28,00 euro di multa (di tali situazioni abbiamo ampia documentazione fotografica). Facciamo rilevare che in questo caso non vi sono solo, con la mancata rimozione, pericoli concreti per i pedoni o per altre auto che si trovano a passare in quei luoghi, ma anche un preciso danno erariale, oltreché la non applicazione del codice della strada che da parte di un pubblico ufficiale ci appare inammissibile.

Ma siamo certi che per ognuno di quei casi (di cui abbiamo riferimenti a telefonate registrate al vostro comando operativo), saprete fornire prova del fatto che è stata verificata l’impossibilità di attendere il carro attrezzi, e non è, ancora una volta, una colpevole “tolleranza” del singolo vigile.

Potremmo citarle molti esempi e se vuole siamo disponibili a venire nel suo ufficio raccontandoglieli dettagliatamente.

Riteniamo altresì che gli agenti della ZTL non siano oggetto di ciò che è normale in qualsiasi corpo di Polizia Locale, ovvero il controllo costante del loro modo di operare sul territorio.

Continueremo a denunciare sulla nostra pagina, con foto, ogni violazione non san-zionata in cui ci imbatteremo, perché solo Padova, almeno nel Veneto, ha una ZTL così disordinata e poco “governata”. Ciò non solo non è un buon biglietto da visita per una Civica Amministrazione, ma nemmeno per una città che stentatamente sta ritrovando un minimo di vita turistica, e i turisti che visitano le nostre bellezze rimangono impressionati dal degrado di una zona che essi ritengono, ahimè errando, pedonale.

Confidando in un suo riscontro,

La redazione di inCivilis Padova

 

Altri post simili